Posts Tagged ‘paura’

P COME PAURA

Quando all’università sentii che una ragazza proponeva ad una mia amica di fare volontariato con i disabili in piscina, lo ammetto, mi sembrò che mi avesse guardato dentro.

Io non potevo. Io non ce l’avrei mai fatta e mi si leggeva. Ecco perché l’aveva chiesto a lei e non a me.

Mi sono proposta con entusiasmo proprio per questo – ma sotto sotto me la facevo addosso dalla paura.

Non sarebbe stato solo uno, sarebbero stati tanti.

Non solo bambini, ma adolescenti, adulti, anche più vecchi di me.

La prima volta – l’odore del cloro e l’aria pesante e umida della piscina – ricordo benissimo quel giorno. Ero nervosa peggio che ad un esame.

Mi si fa incontro un ragazzotto enorme e mi stritola in un abbraccio chiedendomi di sposarlo, finchè un’anima pia non mi sottrae alla morsa delle sue braccia. Più che braccia, sembrano due pale.

In acqua, affianco un tizio che fa volontariato qui già da tempo – e mi guardo intorno – nella piscina dei piccoli ci sono bambini di tutte le età, ognuno con il suo volontario.

Sarà l’acqua.

Sarà il gioco.

Sarà che la diminuzione degli effetti della gravità alleggerisce i corpi e ne attenua le diversità.

Sarà che ridono tutti, tutti insieme.

Insomma – infrango il tabù. E mi diverto. Sul serio.

Torno a casa determinata a continuare.

Credo che quel giorno sia stato uno di quei crocevia della vita, quelli in cui gli eventi ti spingono verso una direzione – anche se ancora non sai che non tornerai più indietro.

Annunci