Posts Tagged ‘cervello’

DALLA SCIENZA CON AMORE

A volte – nella mia testa – brucio le tappe.
Mi viene voglia di raccontare tutto e subito – gli argomenti si concentrano tutti insieme in poco spazio e mi prende una specie di frenesia.

In poche parole – la voglia di raccontare rischia di compromettere la chiarezza.
Per questo proverò a fare un passo indietro – tornando ancora una volta alle mie origini.

Durante l’università, c’era un amico che studiava psicologia.
Le discussioni tra lui e i suoi compagni di corso erano accese e l’oggetto del contendere era un esame col nome che suonava come una condanna – FONDAMENTI DI NEUROSCIENZE – e un librone voluminoso con la copertina nera – il temuto Kandel – che per mole e contenuto era distante anni luce da quello che studiavo io all’epoca, nonché dai miei interessi.
L’amico in questione era invece un vero fanatico della materia – capace di intrattenere chiunque fosse disposto ad ascoltarlo per più di cinque minuti con vere e proprie conferenze.

Suppongo che furono quelle le prime volte che sentii parlare di plasticità cerebrale – e sentii nominare quello che in seguito diventò uno dei miei autori preferiti, Oliver Sacks.

Per la me di allora – semplicemente una noia mortale.

Dati gli esordi, sarebbe stato impossibile prevedere che in seguito tra me e quella macchina meravigliosa che è il cervello umano sarebbe scoccata una scintilla di autentico amore.

Il cervello – proprio lui – un congegno di incredibile potenza e fascino, che oltre a permetterci di funzionare, ci connette con tutto quello che è FUORI dal nostro corpo – regalando alla realtà un senso, un ordine, un’organizzazione coerente.

Questo almeno quando tutto funziona secondo la norma.
E quando invece le cose vanno diversamente?
Quando l’essere umano non è integro – o non lo è il suo cervello – che succede alla macchina meravigliosa?
Verrebbe da dire che il meccanismo si inceppa e fallisce. Che non funziona.

E INVECE NO.

Proprio qui sta la meraviglia: il cervello si riorganizza sulla base di quello che ha a disposizione.
Come dire che improvvisa ricette con quello che trova nel frigo.
I risultati sono diversi da quelli canonici, ovvio.
Spesso sfuggono alla nostra capacità di previsione – alla nostra e a quella di medici ed esperti, con buona pace delle loro teorie.

Anche nella disabilità più grave, il cervello è ATTIVO e costruttivo – si struttura in modo tale da sfruttare al massimo le risorse che ha a disposizione.
E non lo dico io – lo dimostra la scienza.

Come a dire che il cervello è strutturalmente predisposto per vedere l’aria, al posto del mezzo bicchiere vuoto (v. immagine del post precedente).
E lo fa SEMPRE.
E se lo fa lui, perché non dovremmo esserne capaci noi?

Il bicchiere sempre pieno di qualcosa, restituisce un significato profondo alla parola INDIVIDUO.
E apre all’immaginazione di chi educa nuovi scenari di possibilità, accessibili ad un solo, piccolissimo prezzo:

CAMBIARE PUNTO DI VISTA.