Posts Tagged ‘abilità’

G COME GIOCARE – in difesa di un diritto

giocoA volte ho la netta sensazione che i bambini crescerebbero meglio se ci astenessimo dall’intervenire – se la piantassimo di chiederci cosa dobbiamo fare PER loro e iniziassimo a pensare a tutto quello che possiamo fare CON loro.

Siamo così preoccupati di insegnare loro QUALCOSA, che il COME e il PERCHÉ apprendono sembra passare in secondo piano.

I bambini giocano.
È talmente scontato che sembra banale.
I bambini imparano giocando.
Già, perché PRIMA viene il divertimento, POI l’apprendimento.
Se i bambini si divertono ad esplorare e scoprire, imparano meglio e più velocemente.

Lo dicono i manuali, gli esperti – persino la tv.

E i bambini disabili?
Sono diversi, d’accordo – ma giocano?
E se giocano – come giocano?

A guardarli da vicino – sembra che per loro lo status di BAMBINI venga sempre DOPO quello di disabili.

Cosa fanno, mentre crescono?

Fisioterapia,
logopedia,
musicoterapia,
ippoterapia,
psicomotricità,
psicoterapia,…

Sono tutte attività di cui non metto in dubbio l’utilità e l’efficacia.
Il risultato però è che questi bambini spesso hanno apiù terapisti che amici.
Non hanno tempo libero – ma agende degne di un manager.

Il momento del gioco sembra loro precluso perché devono IMPARARE – quasi dovessero sempre essere trascinati in una corsa, nel tentativo di colmare il gap che li separa dagli altri.

Imprigionati dalle teorie, ansiosi di FARE, bisognosi di vedere dei risultati – ecco che tradiamo il bambino e, in un certo senso, contribuiamo a creare il disabile.
Ci perdiamo in un esame attento e minuzioso di ciò che è possibile o impossibile raggiungere – cosa può o non può fare – togliendo a noi e a lui il piacere di scoprire insieme cosa può accadere se ci lasciamo trasportare dalla fantasia e dall’immaginazione.

Cambiamo prospettiva: concediamoci il lusso di osservare i bambini.
Guardiamoli FARE – anche quando apparentemente non stanno facendo nulla.
Entriamo in contatto con loro in questo modo – inserendoci nel loro gioco, dimenticando scopi e obiettivi, prendendoci TEMPO.
Dimentichiamo le teorie per lasciare che, insieme a queste, si dissolva la disabilità – così affioreranno ad una ad una le abilità di quel bambino che abbiamo di fronte.

Sarà proprio LUI ad insegnare a NOI che spesso l’unico vero limite a ciò che possiamo fare insieme è proprio la nostra mancanza di immaginazione.

Annunci

F COME FURBO

Al mare, soprattutto in acqua, certe distanze si accorciano.

Forse per questo lui – il bambino spastico – quello che non camminava da solo e parlava a stento, era uno di noi.

Spastico – quando ero piccola si diceva così per tutti quelli un po’ diversi.

Comunque, lui era uno del gruppo “ogni anno, stessa spiaggia stesso mare”.

Anche quando facevamo le piste per le biglie.

SOPRATTUTTO quando era l’ora della merenda.

Quando esagerava e diventava manesco, sua mamma minacciava di fargli “la doccia fredda come ai matti”.

Di solito, bastava.

Che poi, non era mica fredda quell’acqua! Lo sapevamo noi e lo sapevano le nostre mamme.

Ma questa signora robusta e i suoi metodi educativi verso suo figlio spesso suscitavano critiche e sguardi di riprovazione.

Scommetto che ce li avete presenti, quegli sguardi.

Dicono “Poverino!” – sottintedono “Perché lo tormenti, ha già abbastanza problemi!”.

Si dà il caso che il signorino, però, fosse una scheggia in analisi grammaticale.

All’inizio non è che noi bambini ci credessimo molto, ma poi sua mamma ci convinse a provare.

Invece di giocare all’impiccato, sotto l’ombrellone, noi ci inventavamo frasi sempre più difficili.

E lui faceva l’analisi grammaticale.

Un vero portento.

Solo molti anni dopo ho capito: non è poi molto difficile essere buoni, con i bambini.

Ma educare è un’altra cosa.

Significa stare davanti all’altra persona dicendo ok, io ti aiuto a tirare fuori il meglio di te. Sempre.

Perché rispetto il tuo diritto ad essere te stesso.