F COME FIGLIO

Sono già una mamma degenere – prima ancora di iniziare.

Ti trascino alle manifestazioni sotto il sole milanese, obbligando entrambi ad un tour de force che ci fa passare il resto della giornata a letto.

Il tutto – manco a dirlo – per i diritti di persone che tu nemmeno conosci.

Scusa in anticipo per tutte le volte che succederà ancora – per tutte le battaglie che sceglierò di fare e che – inevitabilmente – coinvolgeranno anche te.

Te lo dico perché probabilmente non sempre ne capirai la necessità.

Te lo dico perché le crociate contro l’imbecillità sono una delle mie specialità.

Sono quasi otto mesi che sento la stessa litania – come un mantra che circonda me e le altre quasimamme – L’IMPORTANTE È CHE SIA SANO – L’IMPORTANTE È CHE SIA SANO.

Intendiamoci, piccoletto – non hai una madre tanto degenere da non augurarsi che tu lo sia.

Lo spero, come spero per te un sacco di altre cose.

Diciamo solo che non è la prima cosa che mi viene in mentre quando penso a te.

Anzi, mi chiedo perché non ho mai sentito nessuno dire L’IMPORTANTE È CHE SIA FELICE.

O, meglio ancora: L’IMPORTANTE È CHE SI SENTA AMATO E ACCETTATO PER QUELLO CHE È.

Che tu sia altro da me, mi pare incredibilmente evidente – del resto me lo dimostri quasi tutti i giorni, reagendo in modo tuo a tutto quello che ci succede intorno.

E nel momento stesso in cui nascerai, questo essere altro da me, questo tuo appartenere solo a te stesso, ti contraddistinguerà come persona – DIVERSA da me, nella tua individualità.

Di sicuro, la nostra diversità ci farà scontrare.

Spero anche ci aiuti a crescere.

Certo è che a te – forse più che ad altri – tocca una mamma un po’ così.

Soprattutto, ti tocca una mamma convinta che la DIVERSITÀ ci renda tutti più ricchi.

Ecco.

Probabilmente l’importante è che per me tu sarai diverso da tutti gli altri.

Annunci

7 responses to this post.

  1. Posted by sara on 23/05/2011 at 9:59 am

    Bellissimo Vale…da un’altra mamma un po’ cosi’…che assieme a te ha trascinato gaia “to be” alla manifestazione a roma. un abbraccio

    Rispondi

  2. non è forse la migliore delle fortune (e delle fatiche) una mamma un po’ così, già capace di chiedere scusa…

    Rispondi

  3. Posted by roberta on 23/05/2011 at 8:13 pm

    per tutte le volte che l’ho detto anche io…per tutte le volte che ho dato per scontato che fosse l’essere sano ad essere la cosa più importante, per tutte le volte che invece di dire “l’importante è che sia sano” ho avuto la decenza di dire “l’importante è che stia bene”, racchiudendo dentro un sacco di cose: che sia sereno, bello, felice, amato, voluto, apprezzato, desiderato, sognato, immaginato, sacro…sacro…sacro…un dono semplice e prezioso, complicato e altro da noi……sacro, ecco la parola che più amo!

    Rispondi

  4. Questo me l’ero persa… splendido post, a ridaiie, Vale, stai prendendo il vizio 😉
    Ti dirò, non davo così tanto peso alla salute finché i Bubini non si sono ammalati di brutto. La peggiore esperienza della mia vita è stato il Bubino attaccato alla bombola d’ossigeno a neanche due mesi di vita. Non ti posso descrivere le sensazioni di quel momento. Come mamma vorresti farti carico di tutto il suo dolore, di tutta la sua sofferenza. La seconda esperienza più brutta della mia vita è stata quando ho trovato la Bubi, due giorni dopo un’operazione chirurgica, vomitante e urlante per il mal di testa.
    La malattia di un figlio ti devasta l’anima.
    Tempo fa ci ho scritto sopra un post http://scusatesesonmamma.wordpress.com/2010/12/15/routine-e-sfiga/ diciamo che ho trascritto quello che ha scritto la mamma di un bimbo diabetico. Io non ho questa forza. Non credo che l’avrò mai. Per questo continuo a metterlo in cima alla lista: “speriamo che crescano sani”.

    Rispondi

    • Hai ragione da vendere, naturalmente.
      Ma quando la salute non ci viene incontro, lo fa l’immaginazione.
      E immaginare assieme ai nostri bambini ci porta sempre verso la migliore delle vite possibili.
      Per entrambi.

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: